Psicologia e fisica

L’Essere: energia e massa, spirito e materia

“Sulla base del principio di complementarietà di Heidelberg si considera la particella dotata di massa, e con essa la materia, come il punto momento in cui viene fermata dall’osservatore la continuità dell’energia in movimento e l’onda viene considerata come il movimento stesso.
Già secondo la visione dei fisici dunque, la materia viene a coincidere con l’aspetto discreto dell’essere e l’energia con l’aspetto continuo dello stesso.
Ma, se l’essere è uno, l’osservatore non può essere altro dal mondo che egli osserva, sì che, colui che ferma nell’oggetto particolare della sua osservazione, che si fa pertanto materiale, il moviento ondulatorio dell’energia, è l’essere che osserva se stesso, e poiché l’essere coincide a sua volta con l’energia in movimento, la massa materiale è la stessa energia che riflette su se stessa attraverso l’occhio dell’uomo e si ferma nel riflesso in cui prende conoscenza di sè.
Possiamo allora dire che il movimento ondulatorio dell’energia coincide con la dinamica riflessiva dell’essere, che è il processo conoscitivo che non conosce però se stesso, e la materia coincide con la dinamica riflessiva che conosce se stessa nel riflesso.”

(Silvia Montefoschi, “La coscienza dell’uomo e il destino dell’universo”, 1986, cit. pag. 45-46)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: