La psicologia del transfert

La psicologia del transfert  ovvero di quel fondamento relazionale che sostanzia la storia dell’Universo tutto

“E’ Freud a rendersi conto, per la prima volta, dell’importanza del fenomeno della traslazione che caratterizza il rapporto terapeutico. Egli vede che il paziente trasferisce  sulla persona dell’analista gli affetti e le modalità comportamentali legati soprattutto alle figure parentali. Il lavoro dell’analista per Freud consiste nell’indurre il paziente a sotituire la propria naturale nevrosi con una nevrosi artificiale indirizzata nei confronti dell’analista che Freud chiama nevrosi di traslazione. Analizzando questa situazione artificiale e portando il paziente a consapevolizzarsene, l’analista è ora in grado di operare e risolvendo la traslazione egli risolve anche la nevrosi.

Jung si rende conto che le cose non stanno proprio così. Se è vero  che nello “spazio sacro” della relazione psicoanalitica la traslazione si mostra in tutta evidenza, è pur altrettanto vero che non esiste  quasi mai un rapporto  intimo fra uomini senza che si verifichino fenomeni di traslazione che favoriscono o turbano il rapporto. Egli coglie la traslazione come una modalità relazionale universalmente umana con cui l’Io si rapporta al Tu. In altre parole, la traslazione consiste in contenuti psichici proiettati ed è espressione del sistema conoscitivo fondato sull’antinomia soggetto/oggetto: il Soggetto che pone sé fuori di sé per potersi vedere ed anela poi a ricongiungersi con quel sé posto fuori.

D’altra parte lo stesso Jung non avrebbe potuto cogliere la traslazione come modalità relazionale universalmente umana  se la stessa traslazione non fosse stata vista da Freud  come modalità relazionale nel rapporto analitico.

PAGINA IN COSTRUZIONE

(I testi qui  riportati sono una scelta antologica curata dal webmaster di questo blog di alcuni brani presenti alle pag. 165-166 dell’opera di  Mario Mencarini e Giorgia Moretti “Alle soglie dell’infinito – L’ultimo pensarsi del pensiero”, 1995. Mentre il titolo di questa pagina è stato scelto sempre  dal webmaster per meglio sintetizzarne il contenuto.)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: