Il canto del Vivente

Tu sei

in quanto io ti penso

quale pensante me

e io sono

in quanto tu mi pensi

quale pensante te

sicché

tu non cessi di pensarmi

e quindi di esserci

finché io ti penso

e io non cesso di pensarti

e quindi di esserci

finché tu mi pensi

Ma se

è il nostro reciproco pensarci

a porci in essere

nell’infinito dirci

tu sei

che

quale atto supremo dell’amore

ci fa l’un l’altro

garanti della vita

noi stessi siamo l’infinito.

E se noi siamo l’infinito

l’infinito

finalmente è

perché

l’infinito non è

se non

in chi

è infinitamente.

(Silvia Montefoschi, La glorificazione del Vivente nell’intersoggettività tra l’uno e l’altro, 1995)

Annunci

Una Risposta to “Il canto del Vivente”

  1. Maria Says:

    magnifica!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: