946. Psicologia, Psicoanalisi, Filosofia, Scienza o Teologia?

“Il fatto che questo libro [l’autrice intende riferirsi a “Storia della preistoria del verbo” del 1987 di cui questo scritto è la presentazione] compaia in una collana di psicologia si presenta problematico per non dire equivoco.
Infatti il discorso che in esso si fa, nato ormai da un decennio, dalla riflessione sul metodo psicoanalitico, è immediatamente sconfinato oltre l’ambito specifico delle scienze psicologiche, e ciò perchè, grazie alla riflessione su se stessa, la psicoanalisi ha manifestato la propria coincidenza con la dinamica dialettica di ogni forma del pensare umano fino a rivelare, con l’avanzare del processo riflessivo, che la dianmica dialettica coincide a sua volta con quella grazie alla quale l’Essere si manifesta a se stesso nel pensiero dell’uomo.
Sembrerebbe allora a questo punto necessario far rientrare questo discorso in un altro ambito dello scibile, ma quale: Filosofia, Scienza? Teologia?
Nel momento in cui il metodo psicoanalitico si è rivelato essere quello grazie al quale L’Essere conosce se stesso in ogni forma della umana conoscenza, qualunque campo di quest’ultima, preso in sse stesso, sarebbe limitativo nei confronti del discorso stesso, che è poi una nuova ermeneutica che tutti li comprende.
Il termine più adeguato ad indicare l’argomento che il discorso tratta sarebbe forse ‘ontologia’, ma poichè anche questo termine è stato sempre usato in riferimento al discorso che l’uomo fa sull’Essere e non al discorso che l’Essere fa di sé, come è in questo caso, anche l’uso di questo termine può presentarsi equivoco o comunque problematico.
La consuetudine ci insegna che quando nasce una nuova scienza è d’uopo darle un nome nuovo.
Però questa nuova scienza si viene a collocare al di là della logica entro la quale ogni scienza, a tutt’oggi, ha trovato il suo nome in relazione all’oggetto di cui essa si occupa (logica che poi è ancora quella fondata da Aristotele); essa infatti non ha altro oggetto se non se stessa; motivo questo per cui è difficile, se non impossibile, poterla nominare, per indicarla all’interno della logica attuale.
D’altra parte esiste anche l’usanza di dare al nuovo nato il nome del proprio genitore, e poiché è dalle scienze psicologiche che questa nuova via di conoscenza è scaturita, m’è parso che la scelta migliore o comunque la più facile fosse proprio l’attenermi a questa usanza.”

(Silvia Montefoschi, “Il Principio cosmico”, 1987, cit. pag. 9-10)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: