Posts Tagged ‘Coniunctio’

457. Il concetto di “coniunctio” in Jung e Silvia Montefoschi

03/03/2014

Psicologia ed evoluzionismo
Sia Jung che Silvia Montefoschi hanno una visione evolutiva della psicologia ma Jung pur aprendo la psicoanalisi al collettivo si limita appunto al collettivo e cioè alla storia umana mentre Silvia Montefoschi e non è un caso che la sua formazione è di biologa, allarga il discorso fino a far rientrare nella psicoanalisi anche l’intera storia dell’universo.

Il motore dell’evoluzione
Sia Jung che Silvia Montefoschi ritengono che il motore di questa evoluzione sia la “coniunctio” ma mentre Jung considera la coniunctio come “coniunctio oppositorum”, Silvia Montefoschi elabora anche il concetto di “ultima coniunctio” che è la coniunctio fra identici e questa identicità possibile non può che essere l’identicità in quanto “pensanti” addivenendo alla conclusione che la vera coniunctio non può che essere solo a livello del pensiero.

Interminabiltà della dialettica e la prospettiva di un oltre la dialettica
La conseguenza di questa elaborazione di Silvia Montefoschi della psicoanalisi è di riuscire a pensare un oltre la dianmica dialettica.
Entrambi sia Jung che Silvia Montefoschi sono dialettici e quindi pensatori di una sintesi possibile dei contrari ma Silvia Montefoschi capisce l’interminabilità della dialettica come un limite e perciò giunge a pensare il trapasso dalla dinamica dialettica alla dinamica dialogica proprio come la fine della dialettica che però coincide anche con la fine del mondo e della storia poichè è verò come ci ha insegnato Hegel e anche gli altri grandi dialettici della storia del pensiero filosofico che la storia è ed è sempre stata dialettica e la dialettica è la sua chiave di lettura anche.
Pensare il dialogo oltre la dialettica pertanto si configura come un pensare la fine del mondo e della sua storia che Silvia Montefoschi definisce come “preistoria dell’essere”.
In questo uscire dalla sua preistoria da parte dell’essere sta proprio la conclusione di quel processo di individuazione concepito da Jung come la vera direzione del processo evolutivo che in Silvia Montefoschi si dispiega come processo di individuazione universale.

L’inizio della fine del mondo: Sigmund Freud (1895)
Molte sono quindi le affinità tra Jung e Silvia Montefoschi ma ricordiamoci sempre che il primo “eletto” ad essere attraversato dalla potenza del pensiero che lo scelse per l’ultimo sprint della storia dello spirito fu Sigmund Freud che colse immediatamente il significato spirituale della sessualità che è l’aspetto concretistico della spinta alla coniunctio anche se per lui era ancora e soltanto la vera eziologia delle turbe mentali sia nevrotiche che psicotiche.
La psicoanalisi è l’ultima filosofia e ogni critica alla psicoanalisi è un passo indietro nella storia del pensiero.
Il pensiero uno è oltre la psicoanalisi ma è oltre la psicoanalisi proprio perchè è considerare la psicoanalisi non come una cura delle malattie mentali o una disciplina spirituale ma come la vita vera.
A differenza degli psicoanalisti, l’ultimo e vero psicoanalista non fa alcuna differenza tra vita e psicoanalisi.
Psicoanalisi infatti non è scervellarsi su lapsus, doppi sensi e cose del genere, tantè che i vetero-psicoanalisti si fanno anche chiamare “strizzacervelli” ma è semplicemente mettere in atto il nucleo dell’insegnamento psicoanalitico che è poi anche la stessa legge dell’evoluzione:

“Io sono te e tu sei me
anche se tu sei solo tu e io sono solo io”

Si tratta infatti della legge dell’unione nella distinzione che evita i due scilla e cariddi della simbiosi e della separazione che invece fermano nella nevrosi e nella psicosi l’infinito cammino dello spirito alla lucida presenza a se stesso.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 32 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: