Freud Jung Montefoschi

Mario Mencarini e Giorgia Moretti, “Alle soglie dell’infinito ovvero l’ultimo pensarsi del Pensiero”, 1995

Gli autori, entrambi psicoanalisti, ripercorrono le tappe fondamentali attraverso cui è nata e si è evoluta la psicoanalisi.
Con la psicoanalisi non è più l’uomo che parla dell’essere, bensì l’essere che si conosce nel parlare dell’uomo.
In tal senso quest’opera può essere letta come l’autobiografia del Pensiero che, proprio nel corso di questo nostro secolo, nasce alla piena consapevolezza di sè.
Mediante questa originale chiave ermeneutica gli autori si accostano ai principali contributi teorici di S.Freud, C.G.Jung e S.Montefoschi, colti come momenti processuali di un unico grande discorso.

INDICE

Parte prima: Sigmund Freud

1 – tre saggi sulla teoria sessuale

2 – metapsicologia

3 – al di là del principio di piacere

4 – psicologia delle masse e analisi dell’io

5 – l’io e l’es

6 – l’avvenire di un’illusione – il disagio della civiltà

7 – l’uomo Mosè e la religione monoteistica

8 – analisi terminabile e interminabile – costruzioni nell’analisi

Parte seconda: Carl Gustav Jung

9 – simboli della trasformazione

10 – psicologia dell’inconscio – l’io e l’inconscio

11 – energetica psichica – la funzione trascendente

12 – gli archetipi dell’inconscio collettivo – il concetto d’inconscio collettivo

13 – risposta a Giobbe

14 – la psicologia della traslazione

Parte terza: Silvia Montefoschi

15 – l’uno e l’altro

16 – oltre il confine della persona

17 – dialettica dell’inconscio

18 – al di là del tabù dell’incesto

19 – il sistema uomo

20 – essere nell’essere

21 – la coscienza dell’uomo e il destino dell’universo – il principio cosmico

22 – il vivente

epilogo:

“a cento anni dalla nascita il vedersi finale del pensiero psicoanalitico a conclusione del suo discorso”

post-fazione di silvia montefoschi:

“storia dell’ultimo brano della storia universale ovvero la psicoanalisi”

Il metodo: la relazione e la riflessione.

“Per quanto riguarda il metodo, poichè questa ricerca nasce in ambito psicoanalitico, questi non potrà essere diverso da quello che mettiamo in atto nel nostro lavoro durante le sedute: la relazione e la riflessione. Noi cercheremo di entrare in relazione con le più significative elaborazioni teoriche che hanno segnato la nascita e lo sviluppo della psicoanalisi e, quindi, di riflettere su quanto in noi si manifesta in quella relazione.”

(Mario Mencarini e Giorgia Moretti, “Alle soglie dell’infinito ovvero l’ultimo pensarsi del Pensiero“, 1995, cit. pag.11)

La via antica del metodo dialettico: dai misteri egizi alla psicoanalisi

“[...] se il conoscere non è una ripetitività del già conosciuto, il conoscere non può essere che un procedimento dialettico, proprio come Hegel l’ha descritto. E che cosa è questo procedimento dialettico? In un primo momento in noi c’è un darsi, un darsi della sensazione, dell’emozione, di un vissuto, un darsi del nostro corpo, un darsi della nostra esistenza. A questo punto per vedere non possiamo che prendere distanza da questo darsi, e quindi ecco il negarsi in cui il vissuto, la senszione, l’emozione vengono riflessi. Successivamente, se non vogliamo stare a “rimasticare” le conoscenze fatte, si torna ad un darsi. Un darsi che non è quello di prima, poichè porta con sè la nuova visione raggiunta grazie alla mediazione riflessiva precedente. Quindi un darsi immediato, un mediarsi e un tornare a darsi nell’immediatezza. E’ un movimento a tre se noi consideriamo l’unità conoscitiva, come momento del processo conoscitivo in divenire (darsi, mediarsi, ridarsi in una visione nuova), ed è un passo a due se invece consideriamo il movimento espansione-contrazione, darsi-negarsi, immediatezza-mediazione.

Questo è il modo del conoscere che possiamo rintracciare in tutta la dinamica della conoscenza di tutte le visioni dialettiche. Del resto è una via antica: non c’è elaborazione teorica, non c’è metodo di conoscenza che parte dal nulla, ogni punto di partenza è sempre un punto d’arrivo. Infatti  questo metodo di conoscenza lo troviamo nella primissima gnosi, che già si celebrava nei misteri egizi, che poi ha fatto parte di misteri orfici, e che poi è passata al platonismo, ed è stata fondamento di tutte le visioni dialettiche. Ancora in Hegel ciò resta una conoscenza esoterica ed è solo con la psicoanalisi che diventa conoscenza essoterica. Questo è un concetto molto importante perchè ci rende consapevoli di cosa è la psicoanalisi e di come, in questo senso, la psicoanalisi dalla sua origine raggiunge noi e come, con Freud la conoscenza sotterranea emerge come una sorgente.”

(Mario Mencarini e Giorgia Moretti, “Alle soglie dell’infinito ovvero l’ultimo pensarsi del Pensiero“, 1995, cit. pag.16-17)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 33 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: