Psicoanalisi e filosofia

“[…] il discorso che l’inconscio avanza […] rivela alla psicoanalisi la sua origine; origine che si colloca nel cuore stesso della filosofia; all’inizio storico della libera riflessione, quando l’amore per la conoscenza nasce e si sviluppa dall’amore per l’oggetto da conoscere: l’uomo e il suo destino nell’universo. E, nel rivelargli la sua data di nascita, che coincide con la nascita della filosofia nel mondo greco, gli affida anche il compito storico da portare avanti: quello di una prassi filosofica che si ricolleghi al suo progenitore: Socrate. Socrate , il sapiente che, rifiutandosi di sapere apre l’uomo al perenne interogativo, invitandolo a interrogar perennemente se stesso e, nel costringerlo a prendere ripetutamente distanza dai termini della contraddizione, sveglia dalla sua coscienza addormentata nel sonno del sapere istituzionalizzato il soggetto riflessivo. Socrate, l’uomo di conoscenza che, nell’interrogarsi sul conoscere prima ancora che sull’oggetto da conoscere, scopre nella dialettica quel metodo conoscitivo che fa del filosofare una prassi trasformativa del reale: la maieutica. Già nella maieutica socratica, e per la prima volta nel pensiero occidentale, la conoscenza, che non è mai data, si crea nell’interlocuzione grazie alla trasformazione che il soggetto opera del proprio vissuto in consapevolezza del medesimo. Già nella maieutica socratica è la mediazione riflessiva che fa della conoscenza l’opera creativa del soggetto umano e statuisce il soggetto umano in colui che crea la conoscenza. Già nella maieutica socratica quindi si può riconoscere quel momento trasformativo in cui la vita, ovvero la materia, ripiegandosi riflessivamente su se stessa, genera la coscienza della vita: lo spirito; sì che la dialettica dell’esistente, quale oggetto di conoscenza che suscita perennemente nell’uomo l’interrogazione, viene a coincidere con il processo conoscitivo dell’uomo che interroga se stesso. E’ pertanto nell’assumere la mediazione simbolica a fondamento del proprio metodo, che la psicoanalisi riconosce in Socrate il suo progenitore. Purchè si tratti, si intende, di na psicoanalisi che faccia del concetto della mediazione non soltanto il modo della presa di coscienza, ma anche lo statuto dell’uomo e la sua teoria della conoscenza. Assumere il concetto di mediazione, all’interno della psicoanalisi, come statuto dell’uomo, vuole dire fare del soggetto riflessivo capace di mediare l’interlocutore essenziale al procedere del discorso analitico e, al tempo stesso, riconoscere in questo soggetto riflessivo, che trasforma la propria vita in coscienza della vita, il momento trasformativo della natura in cultura, in cui si colloca l’essenza stessa dell’uomo; e fare del concetto di mediazione il fondamento di una teoria della conoscenza, all’interno della prassi psicoanalitica, vuole dire riconoscere come un’unica conoscenza, all’interno appunto di questa prassi conoscitiva, la conoscenza che emerge dalla mediazione riflessiva che il soggetto fa dei propri vissuti, nel portarli sul piano di coscienza, e producendo così una nuova conoscenza. Processo conoscitivo questo che restituisce al soggetto umano, in prima persona, la sua attitudine specifica di creatore di simboli e, quindi, di creatore di cultura. Perciò, soltanto una psicoanalisi che metta a punto questo metodo conoscitivo, come il proprio metodo e come il fondamento della sua concezione antropologica, arriva a coincidere con il processo di umanizzazione che consiste, in ultima istanza, nel ricurvarsi riflessivo della vita su se stessa; ed è soltanto l’assunzione di un tale metodo che ricolloca la psicoanalisi nel cuore della filosofia quale prassi dialogica, che opera nell’uomo la trasformazione della materia in spirito, e la ricongiunge alle altre prassi conoscitive che oggi arrivano a cogliere in questa dinamica trasformativa la dialettica dell’intero universo.”

(Silvia Montefoschi, “Dialettica dell’inconscio”, 1980, cit. pag. 285-286)

About these ads

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 35 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: