La figlia di Hegel

Il sogno

« Nell’[...] episodio onirico avviene che, camminando io lungo la “strada” mi viene incontro un uomo con il volto di Hegel che nel presentarsi mi dice di essere un teologo. L’uomo si scusa di non potermi dare la mano essendo le sue mani ormai ritorte; motivo per cui, egli mi spiega, non può scrivere e deve pertanto morire, sicchè ha deciso di uccidersi e lasciare in eredità gli occhi alla figlia. »

(Montefoschi, “Psicoanalisi e dialettica del reale”, pag.135)

 

L’elaborazione del sogno

“Come teologo, Hegel è pertanto (come ogni teologo a tutt’oggi) il sostenitore della trinità maschile di Dio, dove è soltanto il figlio (giammai la figlia) consustanziale al padre, e ciò perchè è l’uomo (e non la donna) identificato con il soggetto conoscente, dove si realizza la dinamica riflessiva del pensiero, che è appunto lo Spirito che consustanzia il figlio e il padre, quali manifestazioni individuale l’una, universale l’altra, della dinamica stessa.”

(Montefoschi, “Psicoanalisi e dialettica del reale”, pag.135)

About these ads

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 31 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: